skip to Main Content

Vicino a la casetta indove vivo

Vicino a la casetta indove vivo ce score na sorgente secolare…
l’acqua cetosa, e er popolo giulivo fa la fila, dunque è bona, a quanto pare.
Sopra le rocce dove l’acqua nasce ce sta na Madonina silenziosa
l’ha benedetta er Papa, ma chi pasce l’acqua cetosa manco la vede,
è meno de na cosa. Li spini l’ha coperta e questo è gnente dovessi vede
li sfreggi del a gente! Li cocci rotti de le bocce vecchie la monnezza
de platica, li stracci! Tutto è mucchialo llà,
ma quella è mamma guarda, tace, e manco se lagna.
Ma a qule gente così maleducata io je direbbe: ma brutti disgrazziati!
Ma st’acqua qui.. ma chi ve l’ha mannata er governo?…
brutti morammazzati! Si nun ce fusse stata quela mamma…
poveri voi! ma quella … nun se lagna! Guarda e tace da sopra
a quele rocce er popoleo che bevve… e roppe bocce!
Ma per nun fà er poeta solamente che canta canta e non fà mai gnente
ho cominciato a dà na ripulita… Ho strappato li spini… povere dita!
Ho levato li cocci de bottija ma quanno stavo pe’ di:
che er diavolo ve pija!  Ho sentito na voce silenziosa
de la Madonna bella e trascurata:
Ma che t’affanni a ffà …  sò abbituata come le mamme,
ad esse trascurata! E questa è la bellezza a Lurde,
sò pparsa, ammezzo a la monnezza.

Egidio Santanchè

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento