skip to Main Content

Un amico….

“COLORO CHE AMIAMO E CHE ABBIAMO PERDUTO, NON SONO PIU’ DOVE ERANO MA SONO OVUNQUE NOI SIAMO.” S. Agostino
Un anno fa a quest’ora ci siamo sentiti per la terza volta nella mattina per concordare il nostro viaggio di lavoro in Sicilia……. La sera ho ricevuto la telefonata di tua figlia che mi comunicava che la meta del tuo viaggio era cambiata ….
Ci eravamo ritrovati dopo trentacinque anni e il nostro rapporto era profondo come negli otto anni della nostra giovinezza vissuti insieme a lavorare nella realizzazione di riprese cinematografiche.
Hai ribussato alla mia porta ed io dovevo aprire. Si…. il rapporto era sempre profondo anche se avevamo caratteri e storie diverse, matrimoni e figli.
Quanti litigi, quanti vedute diverse delle cose da fare e di come farle.
Quante volte ci siamo esortati a lottare ad insistere.
Forse al nostro rapporto non interessava tanto i progetti che avevamo in mente,
ma ci portava sempre verso gli incontri e le scelte di cui avevamo bisogno.
Mi hai messo a nudo davanti allo specchio facendomi vedere chi ero e mi sono ritrovato in una strada in salita che richiedeva partecipazione, impegno, e attenzione e oggi che c’è la necessita di trovare motivazioni per resistere, provo a non mollare a riprovare ancora a ripartire.
In tutto questo trovo la tua presenza.
Abbiamo fondato un’associazione di artisti e tu ne eri l’anima.
Si era costruita una profondità di rapporto fraterno unico.
So che ero importante per te ma so che tu sei stato profondamente
incisivo nella mia vita.
Mi manchi…. amico mio,

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento