skip to Main Content

Il vero male del mondo

Il vero male del mondo” disse Carlo al fantasma di Umberto Eco
è uno e uno soltanto: l’ignoranza!
In realtà è la semi-ignoranza, chiosò il professore.
Che intendi dire?
Intendo dire che una sana e completa ignoranza non crea danni.
Ad esempio, quando ero in vita e vivevo nella mia casa di Milano,
non ne sapevo nulla di impianti elettrici ed ero completamente
privo di nozioni sull’argomento.
Perciò, consapevole della cosa, mi affidavo completamente al mio elettricista.
Questo perché l’ignoranza totale è accompagnata anche dal timoroso rispetto dell’argomento ignorato, e di conseguenza dall’umiltà.
Se invece avessi letto al tempo due o tre manuali e, convinto di aver assimilato il sapere, mi fossi messo in testa di farmi l’impianto
elettrico da solo, probabilmente avrei dato fuoco alla mia biblioteca
di inestimabile valore.
Quindi mi stai dicendo che una conoscenza approssimativa è più dannosa
rispetto a una totale ignoranza?
Esattamente, soprattutto se associata ad un’altra caratteristica molto comune. Sarebbe?
La coglionaggine.

Umberto Eco

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento