skip to Main Content

A volte il bene che vuoi a qualcuno

A volte il bene che vuoi a qualcuno lo devi mettere da parte e quel qualcuno lo devi eliminare dalla tua vita.
Purtroppo succede anche questo.
Nella mia vita ho voluto bene a persone consapevole che dall’altra parte non c’era lo stesso sentire e l’ho fatto sperando che il mio amore potesse tornare indietro come il riflesso nello specchio.
Ognuno di noi è un oceano straripante d’amore che desidera solo di essere versato e l’esperienza
mi ha insegnato che per quanto immenso possa essere l’amore che si ha per qualcuno se non è ricambiato è sempre una metà.
Io non condanno chi non è in grado di ricambiare l’amore, ma so riconoscerlo.
Sono persone che hanno dentro di loro lo stesso oceano ma con esso riempiono solo se stessi.
Non lo fanno apposta, loro sono proprio così e se tu sei nel loro raggio d’azione è solo per gratificare
il loro ego, per rifletterlo.
Sono persone piacevoli, abili, così come è abile in ragno nel tessere la sua tela, ma così come il ragno non crea una tela per fare in modo che la mosca stia comoda, loro, allo stesso modo, non interagiscono con te per amore verso di te, ma solo per amore verso se stessi e più precisamente per nutrirsi di te.
Sai come si riconoscono? Sono quelli che quando parlano cominciano ogni frase con “Io…”, sono quelli che non chiedono mai come stai e se costretti dalle circostanze a farlo non ti ascoltano, non ti fanno nemmeno finire di parlare che ti rispondono con una frase che inizia con “Io…”
Quell’Io è tutto il loro mondo, non c’è spazio per altro. Ma la cosa peggiore è che queste persone fanno male quando tessono le loro ragnatele, fanno male a te perché sei la mosca.
Ho voluto bene e ancora ne voglio a persone così, ma non le posso tenere nella mia vita e non posso metterci cuore. La vita è una, il cuore pure e meritano la gioia.
Non importa quanti siamo e non importa neppure se a volte siamo soli, quel che conta è essere liberi
di amare perché chi ama merita innanzitutto una cosa: essere ricambiato.
L’amore è gioia che si esprime con empatia e chi non è in grado di amarmi è certo che mi farà del male ecco perché è fuori dalla mia vita.
L’amore non è una guerra, non ci sono ostaggi e non si fanno prigionieri, ma solo cuori liberi di amarsi.
Chi ti ama ti chiede come stai, ti ascolta e fa il possibile per farti stare bene e gli altri… sono gli altri.

Giulia Torelli

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento