skip to Main Content

A vent’anni mi arrabbiavo.

A vent’anni mi arrabbiavo.
A trenta mi innervosivo.
A quaranta mi chiedevo “perché” e ne soffrivo.
A cinquanta dicevo “fate quello che vi pare” e sorridevo.
A sessanta pensavo “c’è tempo” non era vero.
A settanta “non ho più risposte alle domande”  ma ci credo.
Non è egoismo, è sopravvivere.
Strada facendo, anche la rabbia si attenua.
Capisci che non serve, farebbe solo cadere
nuvole di grigio sulla vita.
E io voglio il sole.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento